Impianti con pompe per barbottine ceramiche

Impianti con pompe per barbottine ceramiche

Gli impianti con pompe per barbottine ceramiche devono soddisfare adeguatamente i bisogni di un comparto industriale e artigianale in cui l’Italia può vantarsi di essere un’eccellenza a livello mondiale.

In tutto il Paese si contano circa 300 aziende che fanno parte del settore, producendo stoviglie, piastrelle, ceramica sanitaria, materiali refrattari, laterizi e altro ancora.
Si tratta di un settore orientato all’esportazione e all’internazionalizzazione, che fattura ogni anno circa 7 miliardi di euro, e nel quale lavorano quasi 30.000 persone.

L’ampia gamma di pompe PEMO, tra cui un’ottima scelta di pompe per barbottine ceramiche, unita all’esperienza ultradecennale dell’azienda, fa della Perissinotto S.p.A. il partner ideale anche per l’industria ceramica.

Il continuo impegno nella ricerca e nello sviluppo di nuovi prodotti rende possibile offrire soluzioni su misura per tutte le esigenze di questo e di altri comparti produttivi.

La versatilità dei prodotti PEMO PUMPS consente a tutti i modelli di adattarsi a qualsiasi tipo di utilizzo. Alcuni modelli si prestano però in modo particolare alle fasi del processo ceramico, vale a dire:

  • recupero e trasformazione in barbottina delle polveri da pressa, con trasferimento alle vasche di precarica dei mulini;
  • trasporto delle barbottine dai mulini macinatori alle vasche di stoccaggio, e da queste ai serbatoi di alimentazione degli atomizzatori;
  • alimentazioni degli smalti ceramici alle cabine di verniciatura;
  • pompaggio e recupero delle acque di lavaggio delle linee e dei mulini;
  • pompaggio dei fanghi addensati;
  • alimentazione dei filtripressa.

Impianto per lo scarico della barbottina dai mulini

La barbottina è il risultato del processo di macinazione e atomizzazione, che fa parte del ciclo produttivo della ceramica. In particolare, la macinazione per via umida riduce al massimo la granulometria delle miscele ceramiche impiegate, e le rende più omogenee possibile. Le miscele macinate vengono poi disperse in una soluzione di solidi in acqua (appunto la barbottina), che ha lo scopo di ridurre ulteriormente le particelle naturali.

Durante la successiva fase di atomizzazione, la barbottina ceramica viene trasformata in una polvere che, per granulometria e umidità, si presta a essere pressata.

Le pompe per barbottine ceramiche hanno a che fare con un materiale molto abrasiva e altamente viscoso, che le può esporre a un processo molto usurante: per limitare l’usura e quindi la necessità di ricorrere a manutenzione, è essenziale la qualità dei rivestimenti di giranti e corpi.

Altrettanto importante, per garantire la durata delle pompe per barbottine ceramiche, e anche l’efficienza della produzione e la qualità dei prodotti, è mantenere ai giusti livelli l’uniformità delle barbottine durante tutto il percorso di trasferimento dai mulini macinatori alle vasche di stoccaggio, e quest’ultime ai serbatoi di alimentazione degli atomizzatori.

Proprio per la forte abrasività del materiale, questa operazione è piuttosto complessa.

Tra i prodotti PEMO dedicati al trasporto delle barbottine, merita una menzione l’impianto scarico mulini MONO.

Pensato esclusivamente per l’industria ceramica, e idoneo per lo scarico della barbottina dai mulini a ciclo continuo, questo impianto è ideale per il trasporto di barbottine ceramiche con densità 1,8 e resistenza a temperature fino agli 80°- 90° C.

Costituito da un pompa in grado di funzionare anche a secco, installata esternamente in una vasca disponibile in diverse grandezze, l’impianto scarico mulini MONO è caratterizzato dalla facilità di manutenzione, che riduce al minimo i tempi di fermo macchina.
Alla robustezza della costruzione si abbina l’economicità d’uso, anche grazie ai tempi di manutenzione ridotti rispetto ai modelli multipompa.

Impianto per l’omogeneizzazione delle acque fangose

La versatilità dei prodotti PEMO consente a tutti i modelli di adattarsi a qualsiasi tipo di utilizzo, ma alcuni modelli in particolare si prestano assai bene a operare come pompe per barbottine ceramiche e per l’omogeneizzazione delle acque fangose, attraverso la pressatura dei fanghi di scarto.

Tra questi modelli troviamo le pompe S-ATM AO/AB/TC/AS-B77.

Si tratta di un tipo di pompa orizzontale, adatta al trasferimento di liquidi con alte concentrazioni di particelle abrasive, in applicazioni in cui la pressione di scarico richiesta è fino a 20 bar (290 psi), e la dimensione delle particelle è inferiore ai 2 mm.

Questo modello di pompa è stato concepito specificamente per alimentare gli atomizzatori di grandi dimensioni, e nel corso di pochi anni si è dimostrata un’alternativa vincente alle pompe a pistoni spesso usate per le stesse applicazioni, assai meno efficienti e molto più complesse da gestire.

La robustezza, la facilità d’installazione, i rivestimenti interni in gomma e le giranti in lega speciale ne garantiscono la durata nel tempo.

La possibilità di installare potenze elevate a numero di giri variabili, danno modo di raggiungere pressioni considerevoli, garantendo inoltre notevoli risparmi di tempo nei trasferimenti.

Le tenute meccaniche possono essere singole o doppie, e sono realizzate in materiali fortemente resistenti all’abrasione.